« La ‘Graecia orthodoxa’ di Leone Allacci: fonti, storia editoriale, contesto, finalità », Claudia SOJER (Universität Innsbruck)

Presentazione della ricerca

La ricerca presenta nuovi esiti sulla genesi e la natura della Graecia orthodoxa (Graeciae Orthodoxae tomus primus. Romae, Typis Sacrae Congregationis Propagandae Fidei 1652; Graeciae Orthodoxae tomus secundus. Romae, Typis Sacrae Congregationis Propagandae Fidei 1659) di Leone Allacci (* Chios 1588 – † Roma 18 gennaio 1669) e sul modus operandidell’autore in ambito europeo.

Si struttura in tre parti distinte:

La « Graecia orthodoxa » di Leone Allacci. I: Contesto e finalità: dopo una necessaria premessa tratta del contesto storico e teologico da cui è scaturito e nel quale è stato realizzato il progetto della Graecia orthodoxa. È presa in considerazione il dibattito sul filioque, il concilio di Firenze, il ruolo di Allacci fautore delle risoluzioni fiorentine, gli scopi sottesi alla pubblicazione e alla diffusione della Graecia orthodoxa.

La « Graecia orthodoxa » di Leone Allacci. II: L’impresa editoriale tratta dell’editoria vaticana, in particolare della tipografia della Congregazione De Propaganda Fide, della tiratura della Graecia orthodoxa, dei lettori per cui l’opera è stata concepita e della sua diffusione all’inizio dell’età moderna (1652-1789). Si accluderà il censimento degli esemplari oggi presenti nelle raccolte bibliotecarie dell’Austria, della Germania, della Svizzera, e i risultati di un’indagine a campione per la penisola balcanica e per le aree levantina e slava. Inoltre vengono discusse le reazioni del Patriarcato sotto l‘Impero Ottomano al movimento missionario del Vaticano.

La « Graecia orthodoxa » di Leone Allacci. III: La storia del testo avrà per oggetto la storia del testo della Graecia ortodoxa, con particolare attenzione alle fonti utilizzate, manoscritte e a stampa.

La presentazione all’Atelier doctoral international Outils et méthodes pour l’histoire des Églises entre Orient et Occident (Ve-XIXe siècle)” illustrerà la trasmissione testuale dall’antigrafo, all’apografo e autografo, alla traduzione latina, e alla stampa bilingue greco e latino di un testo selezionato della Graecia orthodoxa di Leone Allacci.

Filologia dell’edizione

Per produrre la Graecia orthodoxa, Allacci ha attinto a una molteplicità di testi, non solo a manoscritti Vaticani, ma anche a copie di manoscritti e ad esemplari a stampa provenienti da altre biblioteche europee (Parigi, Monaco di Baviera, Milano). L’identificazione e l’esame degli antigrafi utilizzati per il primo e il secondo tomo della Graecia orthodoxa hanno permesso di arrivare a conclusioni importanti circa l’autografo del secondo tomo della Graecia orthodoxa di Allacci che oggi reca la segnatura Rimini, Biblioteca civica Gambalunga, SC-MS 87, hanno infatti permesso di dimostrare che Allacci ha attinto anche a opere a stampa; in questi casi con ogni probabilità non ha mai approntato una trascrizione manoscritta dei testi ma ha consegnato in tipografia il testo già edito a stampa, che fra l’altro offriva il vantaggio di essere più facilmente leggibile per i compositori in officina.

Oltre che di edizioni a stampa e di copie da manoscritti da lui stesso eseguite, Allacci si è avvalso anche di trascrizioni realizzate da collaboratori, bibliotecari e studiosi che lavoravano in altre biblioteche alle quali Allacci aveva richiesto la copia di una determinata opera in greco che non riusciva trovare a Roma. Incaricò anche il suo assistente e scriptor graecus della Biblioteca Vaticana, Lorenzo Porzio, della trascrizione di qualche testo. Anche per queste copie di mano altrui non è certamente mai esistito un autografo di Allacci, che avrà portato in tipografia direttamente i fogli esemplati dai suoi collaboratori.

Dalla ricostruzione del lavoro di raccolta delle fonti da parte di Allacci si può concludere che la realizzazione della Graecia orthodoxa ha richiesto circa vent’anni, e che in tipografia non è mai arrivato un convoluto manoscritto, tutto di mano di Allacci, corrispondente al contenuto integrale del primo e del secondo tomo della Graecia orthodoxa. In sostanza, non c’è mai stata la perdita dell’intero primo tomo manoscritto autografo di Allacci, in quanto questo per intero non è mai esistito, come non è mai esistito per intero il secondo tomo manoscritto, dove il materiale autografo si limita a quelle parti che non sono state desunte da opere a stampa o da trascrizioni manoscritte altrui.

Bibliografia selzionata

Sojer C., “Il manoscritto autografo di Leone Allacci della Biblioteca Gambalunga di Rimini“, in Schede Umanistiche. Rivista semestrale dell’Archivio Umanistico Rinascimentale Bolognese, 20 (2006), 119–149.

––, “Curricula bio-bibliografici degli autori selezionati da Allacci per la Graecia orthodoxa“, in Bollettino della Badia Greca di Grottaferrata, BBGG III /7 (2010), 207–246.

––, “Leo Allatius Philologe und Verleger aus einer neuen Perspektive: Vergleichendes Studium der editio princepsseiner Graecia orthodoxa (Band 2), und des ihr zugrundeliegenden Autographon (Rimini, Biblioteca civica Gambalunga, SC-MS 87)“, in Acta Antiqua Hungarica, 50 (2010), 295–315.

––, “Ancora sul manoscritto autografo riminese di Leone Allacci. Analisi del contenuto, aspetti codicologici e di archeologia del libro”, Codices Manuscripti & Impressi. Zeitschrift für Handschriftenkunde 95–96/35 (2014), 27–48.


Camille Rouxpetel

Camille Rouxpetel Projet ERC EuQu-CRHIA-université de Nantes, ancien Florence Gould Fellow à la Villa I Tatti, the Harvard University Center for Italian Renaissance Studies et ancien membre scientifique de l'École française de Rome, section Moyen Âge Docteur en histoire de l'Université Paris-Sorbonne https://efrome.academia.edu/CamilleRouxpetel

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search